Difetti di rifrazione

L'occhio è un sistema ottico in cui le lenti più importanti sono la cornea e il cristallino.

I difetti di rifrazione, chiamati, ametropie, derivano da una correlazione anomala fra le varie parti del sistema diottrico oculare. L’asse dell’occhio è troppo lungo o troppo corto o la forza di rifrazione della cornea o del cristallino è troppo forte. I difetti di rifrazione non sono una malattia, bensì una variante della forma ideale dell’occhio, rispettivamente uno squilibrio tra la forza di rifrazione e la forma dell’occhio.

Questi difetti di rifrazione non sono malattie e possono venir corretti con occhiali o lenti a contatto.

Miopia

L’anomalia più frequente é la miopia. Nel 90% dei casi la miopia é causata da un bulbo oculare troppo lungo in rapporto alla forza rifrattiva del cristallino (miopia assiale). Più raramente la miopia é causata da un cristallino troppo spesso, la cui forza rifrattiva é eccessiva. L’occhio miope é un sistema ottico troppo convergente: i raggi paralleli provenienti da un oggetto lontano vengono focalizzati davanti alla retina. L’immagine risulta imprecisa. Portando l’oggetto vicino agli occhi, il miope vede nitidamente.

La miopia viene corretta con delle lenti che divergono i raggi della luce (occhiali o lenti a contatto).

Ipermetropia

Un’anomalia meno frequente é l’ipermetropia, dovuta a una limitata convergenza del sistema diottrico oculare. Essa é causata da un bulbo oculare troppo corto (iperopia assiale) oppure da una forza rifrattiva ridotta, a livello di cornea e di cristallino. I raggi paralleli provenienti da un oggetto lontano vengono focalizzati dietro la retina. La persona ipermetrope può vedere nitidamente oggetti lontani con uno sforzo di accomodazione. Per gli oggetti vicini lo sforzo di accomodazione risulta insufficiente: uno dei primi segni rivelatori é l’eccessivo affaticamento visivo alla sera, specie durante la lettura. L’ipermetropia si corregge con opportune lenti convesse che aiutano il potere convergente dell’occhio.

L’ipermetropia viene corretta con lenti convergenti, i raggi della luce convergeranno quindi non più dietro ma sulla retina.

Presbiopia

La presbiopia é il difetto di rifrazione che interviene con l’età. A partire dai 40 anni ca il cristallino perde progressivamente la sua elasticità. Di conseguenza esso non riesce più a focalizzare i raggi ottici sulla retina, bensì dietro di essa. La correzione con lenti convesse permette la visione nitida di oggetti posti nel punto prossimo.

La presbiopia si corregge con delle lenti che convergono i raggi.

Astigmatismo

L’astigmatismo é causato da una irregolare curvatura della cornea – o del cristallino – che “sparpaglia” i raggi ottici e offusca l’immagine sulla retina. La correzione dell’astigmatismo richiede una lente personalizzata: con un raggio di curvatura variabile da zona a zona, a seconda dell’irregolarità dell’occhio.